Piadina romagnola IGP: un piatto completo ed equilibrato

La storia della piadina romagnola è davvero antichissima. Non c’è La piadina romagnola IGP, uno dei piatti dell’estate più apprezzati con tutta la sua storia e la sua bontà. Oltre a essere deliziosa al palato, è anche un piatto equilibrato e ottimo dal punto di vista nutrizionale. Ancora meglio, non credete?

La piadina in Romagna è come il pane, anzi di più. É il cibo nazionale, una faccenda molto seria con un rigido disciplinare da seguire, per essere proprio come vuole la tradizione. Una ricetta storica perfetta, un pasto completo che fornisce tutti i nutrienti necessari.

Insomma, la piada è la piada, e con i giusti ingredienti complementari è anche un piatto unico buono per il vostro organismo. Scopriamo di più!

La vera piadina romagnola IGP: perché è un ottimo piatto unico?

Che la piadina fosse buona, già ne eravate al corrente. Una ricetta perfetta per un pranzo informale, o da mangiare durante le passeggiate sul lungomare per godervi davvero l’estate sulla Riviera. Ma sapevate che il vostro street food preferito è anche un piatto, oltre che buono, bilanciato e nutriente? Oggi vi spieghiamo il perché!

  1. Buona fonte di carboidrati e proteine. Non mangiate la piadina in sostituzione al pane, ma fatela diventare un piatto unico grazie all’infinita varietà di farciture. Già di per sé infatti la piada vi regala carboidrati in quantità e anche una discreta dose di proteine. Per una ricetta davvero completa occorrono però proteine nobili e fibre, che avrete solo aggiungendo le farciture giuste. 
  2. Come farcire? I condimenti sono infiniti e possono variare molto a seconda dei vostri gusti personali, ma anche in base al ritmo delle stagioni. Infatti ci sono sapori più freschi, altri più adatti ai periodi invernali, anche se l’evergreen resta crudo, squacquerone e rucola. L’importante è trovare la corretta combinazione di proteine nobili (carne, pesce, formaggio, legumi) e fibre (insalata, pomodori, zucchine ecc).
  3. Ridotto apporto di calorie. Dulcis in fundo… udite, udite, il piatto unico ‘piadina farcita’, pur accontentando il vostro palato rispetta anche la bilancia. Volete un esempio? Una Piadina romagnola IGP farcita con prosciutto rimane infatti sotto le 500 calorie. Il trucco è riempirla con ingredienti leggeri per non fare alzare di troppo le calorie. Squacquerone e rucola possono fare benissimo al caso vostro.

Per questo, anche se ormai oggi di piadine ce ne sono a bizzeffe, ovunque, Quanti motivi in più per mangiarvi una bella piadina, non è vero? Correte a conoscere la nostra Piadina Romagnola IGP alla Riminese rigorosamente realizzata secondo le regole stabilite dal disciplinare di produzione e preparata con ingredienti del territorio come la farina di grano romagnolo. D’altronde Loriana è la specialista quando si tratta di vera piadina romagnola. Nata a Forlì nel 1973, non è una come le altre, ma la migliore di sempre, perché facciamo una cosa sola, ma fatta bene. Scegli la tua Loriana preferita sul nostro sito!

Condividi
Pubblicato il