Avocado: il frutto esotico ottimo in cucina e pieno di benefici

Dalla forma allungata simile a una pera, l’avocado è il frutto esotico più amato in cucina per il suo gusto particolare e per le sue comprovate proprietà nutritive.


Le origini
L’avocado è il frutto dell’albero di avocado la Persea americana, pianta che appartiene alla famiglia delle Lauracee, tipica dei paesi tropicali come Sud Africa e America centrale. Probabilmente questo frutto ebbe origine in Messico, dove ritrovamenti ne testimoniano la coltivazione già nel 5000 a.C. Oggi, data la grande diffusione del suo frutto, è coltivata anche in Italia nella regione Sicilia.

 

Le caratteristiche nutrizionali
La principale caratteristica nutrizionale di questo frutto è la sua ricchezza di grassi, specialmente insaturi ed Omega3 capaci di stimolare la produzione di colesterolo buono (HDL) e frenare il deposito di quello cattivo (LDL).

L’avocado contiene acido folico e fitonutrienti, elementi antiossidanti che aiutano a liberare la cellula dai radicali liberi, ma non solo, è ricco di potassio e magnesio.

Ancora, le caratteristiche nutrizionali dell’avocado lo rendono abbastanza simile alla frutta secca oleosa come noci, nocciole, mandorle o arachidi. Può quindi rappresentare una valida alternativa per i soggetti allergici.

 

Il gusto dell’avocado
Dell’avocado si consuma la polpa di color giallo verde, mentre buccia e nocciolo non sono commestibili. L’avocado maturo ha una polpa liscia e cremosa, per l’abbondante presenza di grassi e dalla consistenza simile al burro con un retrogusto leggero al sapor di noce.

Per capire se un avocado è maturo è necessario tastarlo leggermente: se la polpa è pronta l’avocado risulterà morbido al contatto e la buccia tenderà a incresparsi. In caso vi capitasse di acquistare un avocado ancora troppo duro per essere mangiato, vi consigliamo di lasciarlo maturare per tre o quattro giorni a temperatura ambiente.

 

Le ricette
Generalmente l’avocado si mangia a crudo in fette sottili da aggiungere ad un’insalata mista o altre pietanze. La tradizione messicana lo vuole però in versione Guacamole, una mousse fatta da avocado frullato, succo di limone, cipolla, sale e a scelta l’aggiunta di pomodorini. Il Guacamole è perfetto per condire i famosi tacos o semplicemente da spalmare sul pane o accompagnare carne e verdure. Perché non provarla quindi con spicchi di Loriana calda? Ne resterete davvero sorpresi.

 

L’idea in più!
L’avocado non è buono solo in cucina: provate a utilizzarlo per dare nutrimento e benefici alla vostra pelle. Con l’avocado si possono fare delle ottime maschere di bellezza per il viso oppure dei balsami per le labbra grazie alla sua componente grassa molto emolliente.

 

Pubblicato il